Regole e privilegi

Norme per la montagna nelle carte di regola di Verv˛

Regola del 1532

38 capitoli della Regola del 1757

La banca del pane

1517 - Istituzione del regolano maggiore

Fra i documenti della ComunitÓ di Verv˛ che rivestono un particolare rilevanza ci sono le sue Carte di Regola. La prima di esse presente nell'archivio comunale in carta pergamena Ŕ del 26 maggio 1532. Dalla lettura dei numerosi e importanti documenti precedenti questa data, si pu˛ ragionevolmente supporre che ne sia esisitita una pi¨ antica. Sicuramente la Magnifica ComunitÓ o UniversitÓ di Verv˛ si reggeva anche prima di questa data su norme codificate che stabilivano il susseguirsi delle cariche pubbliche, le modalitÓ di usufruire dei beni comuni, i rapporti fra abitanti e vicini, il controllo dei confini, l'elezione dei procuratori (sindaci) che trattavano le cause e le relazioni con le comunitÓ vicine e con le autoritÓ religiose e feudali. I vari articoli di regola ripecchiano regolano le attivitÓ tipiche e le disciplinano: incarichi, uso delle strade, delle acque, del pascolo, uso della montagna, diritto di vicinato: sono previsti i pastori e le guardie della campagna e della montagna, le multe e le possibilitÓ di ricorsi. Nel 1664 vengono approvati dei capitoli addizionali e quindi sono documentate due riscritture nel 1749 e nel 1757. Con mia notevole sorpresa Ŕ documentato la presenza di un esercizio pubblico per la vendita di pane a vicini e forestieri "La banca o fontico del pan". Il privilegio per la gestione della rivendita sta in una pergamena del 1654 con l'autorizzazione del principe vescovo Carlo Emanuele

Stemma Gottardi


Una ridente vallecola (Anzan)

Home Verv˛ e dintorni Indice commenti Fatti dal mondo Storia locale